Tennis, al via gli Internazionali al Foro Italico

Tennis, al via gli Internazionali al Foro Italico
Roma torna ad ospitare uno dei tornei più amati e attesi da tutti gli appassionati di tennis: gli internazionali BNL d’Italia. Il torneo, che ha una grande tradizione, è il più partecipato al mondo. Le gare prendono il via diversi giorni prima del sorteggio dei tabelloni (che sarà sabato 7 maggio), con le pre-qualificazioni e le qualificazioni. Il pubblico si preannuncia caldo e numeroso come da tradizione, ma non mancano le polemiche e, purtroppo, le assenze.
 
Le Pre-qualificazioni
 
Le gare di inaugurazione dei campi hanno avuto inizio sabato 30 aprile e si concluderanno giovedì 5 maggio. Gli atleti che vi prendono parte sono divisi in due tabelloni di singolare femminile e maschile da 40 giocatori ciascuno. Sono impegnati tennisti emersi da tornei BNL giocati negli scorsi mesi. A questi si uniscono 12 atleti e 8 atlete segnalati dal Settore Tecnico Nazionale della FIT, tra i quali risalta il nome della testa di serie Marco Cecchinato. I vincitori dei vari incontri si giocano l’accesso diretto ai tabelloni principali o di qualificazione. 
 
Il torneo
 
Lunedì 9 inizierà il torneo vero e proprio, con tabelloni principali degli Internazionali d’Italia che si preannunciano ricchi di sfide interessanti. Le partite inizieranno ogni giorno alle ore 11.00, e finiranno alle 19.00 per quanto riguarda la sessione diurna. La sessione serale, come da tradizione, troverà spazio sul campo Centrale, e prevede due incontri: uno maschile e uno femminile. Il grande favorito resta l’immortale Rafa Nadal. Lo spagnolo arriva a Roma dal trionfo nel primo slam dell’anno e dalla vittoria del suo decimo titolo italiano lo scorso anno. L’infortunio sembra ormai alle spalle, e, salvo assenze dell’ultimo minuto, la finale potrebbe essere nuovamente contro Novak Djokovic. 
 
Assenze e polemiche
 
Matteo Berrettini non ci sarà. Il campione romano, numero uno italiano, è ancora alle prese con la riabilitazione a seguito dell’intervento alla mano. L’atleta ha annunciato che prenderà tutte le precauzioni necessarie per arrivare in forma alla stagione sull’erba. Che sia di nuovo il suo anno a Wimbledon ce lo auguriamo tutti, ma è probabile che questo voglia dire saltare anche il Roland Garros. L’italiano più quotato è Jannik Sinner. L’altoatesino è impegnato in questi giorni a Madrid ed è arrivato ai quarti a Montecarlo, fermato dalle vesciche. Grande attesa anche per Lorenzo Musetti e Lorenzo Sonego, che l’anno scorso perse in semifinale contro Djokovic. Assente ovviamente anche l’idolo del pubblico Federer, che dovrebbe rientrare dopo l’estate.
 
A non essere assenti, però, sono le polemiche. La prima riguarda l’ormai nota posizione di Djokovic sul vaccino anti-covid. L’organizzazione degli Internazionali d’Italia non ha mai considerato la cosa un problema. L’ambiente, invece, non è sembrato concorde con la decisione. Ormai la stagione è iniziata da tempo, e il serbo ha ripreso a giocare con continuità. Le voci su questo fronte sembrano essersi acquietate. L’argomento di maggiore polemica, però, riguarda la presenza degli atleti russi e bielorussi nel torneo. Inizialmente, seguendo la decisione di Wimbledon, erano stati esclusi dall’organizzazione, che è poi tornata sui propri passi. Gli Internazionali d’Italia sono, infatti, parte del calendario e del regolamento di ATP e WTA. Le due federazioni hanno considerato l’esclusione contraria ai principi di merito ed equità, e hanno invitato la Federtennis a rispettare l’articolo 8.01B dell’ATP Rule Book: “Ogni torneo si impegna ad accettare le iscrizioni dei tennisti sulla base delle classifiche ATP.”
 
GF