Pazza Roma, poker al San Paolo

Pazza Roma, poker al San Paolo

Pazza Roma, imprevedibile, folle e anche un po' "coatta". Espugna il San Paolo 4-2 con una prestazione inusuale per le sue abitudini, fatta di concretezza e spregiudicatezza allo stesso tempo. Cinque tiri in porta e quattro reti, alla faccia di tutte le occasioni create e non concretizzate in tutte le altre partite stagionali. La squadra di Di Francesco si riprende la zona Champions, scavalca la Lazio sconfitta all'ultimo secondo da un gol di Dybala. Una manna dal cielo per i giallorossi, una sciabolata al cuore per i partenopei. Il solito Under, doppietta di Dzeko, il poker di Perotti e Sant'Alisson. Sono loro i principali artefici di una gara che era iniziata nel peggiore dei modi, con il Napoli subito in vantaggio con Insigne, ma raggiunto dopo pochi secondi dall'ennesima prodezza del folletto turco. Un pallonetto sporco che ha dato il via alla rimonta giallorossa tra le lacrime del San Paolo.